Gara Marmore e Raduno Melfa by Pam

p3250079Si è aperta l’arida stagione 2012 della canoa fluviale a Marmore, crocevia di canoisti dal centro, nord e sud Italia.

Eppure è stata la Svizzera a dominare le scene: svizzera la puntualità dei partecipanti (!), svizzeri i tempi di partenza (!), austeri e incorruttibilmente svizzeri i giudici di gara, svizzero il vincitore della barca in palio (!). Anche il GZ team Turbigo si  è allineato sul fronte elvetico con un’impeccabile organizzazione svizzera: ritrovo programmato per le 4 a Melegnano. Ma nella mattinata voci incontrollate di panico serpeggiano nei telefoni e nel web <ho una riunione improrogabile!> -<Il mio capo non vuole più che io esca!> – <Non ce la farò mai per quell’ora!> – <La mamma dice che farà freddo e pioverà! >. Quindi alla fine non è proprio chiaro a che ora si partirà né chi sarà davvero presente ai box di partenza.

Eppure a Marmore ci arriviamo in 8 verso le 11 di sera. Incontriamo i soliti amici dall’Emilia, dalla Liguria e poi arrivano i rinforzi da Roma! La festa prosegue fino a tarda notte.

La mattinata di sabato parte con una spettacolare impresa canoistica che rimarrà negli annali: Darietto Vanacore (GZ team dal 2011, classe 1985, lericino nel cuore) apre in prima il salto mediano della Cascata delle Marmore, di circa 18 metri, probabilmente la più alta cascata italiana. Con un’organizzazione svizzera per aggirare gli svizzeri controlli all’ingresso del parco, Darietto si inerpica sull’umida collina sotto la cascata nel cuore della notte  e imbosca canoa e materiale per il mattino successivo. Il team Lerici mentre gli altri canoisti sonnecchiano ancora nelle tende, è schierato per le riprese video, la sicura , il tifo, i diversivi per eventualmente placcare i guardia parchi e la polizia. Darietto si lancia così nel vuoto di un impeccabile salto e non ha nemmeno il tempo di esultare  e di godersi l’adrenalina: deve scappare sperando di non essere stato notato. E tutto fila liscio. Grande Darietto! Veramente un fenomeno.

Con un’organizzazione svizzera per aggirare gli svizzeri controlli all’ingresso del parco, Darietto si inerpica sull’umida collina sotto la cascata nel cuore della notte  e imbosca canoa e materiale per il mattino successivo. Il team Lerici mentre gli altri canoisti sonnecchiano ancora nelle tende, è schierato per le riprese video, la sicura , il tifo, i diversivi per eventualmente placcare i guardia parchi e la polizia. Darietto si lancia così nel vuoto di un impeccabile salto e non ha nemmeno il tempo di esultare  e di godersi l’adrenalina: deve scappare sperando di non essere stato notato. E tutto fila liscio. Grande Darietto! Veramente un fenomeno.

Parte quindi la gara sulla scia dell’esultanza per le gesta di Dario appena compiute. Gli atleti tesissimi e precisamente allineati in fila indiana si preparano alla partenza dove con ritmo ferreo ed incalzante, partono ogni 30 secondi. Volano sul tratto a valle dei 3 salti con arrivo poche centinaia di metri dopo. Una emozionante gara sprint che permetterà di selezionare i primi 20 che parteciperanno alla finale del pomeriggio: l’integrale da sotto la cascata.

Una settantina abbondante i partecipanti con i soliti noti a dominare le classifiche: l’intramontabile Thomas, il grande Ramazza, i Buzzi, i Guidi, ecc. Encomiabile prestazione del team maschile GZ-Turbigo con tutti e 4 i partecipanti maschili in finale. Spicca su tutti la performance di Andreino, 6° in classifica generale (merito ovviamente del nonno e dei suoi fantasiosi allenamenti del martedì sera a turbigo. Provare per credere!!).

Nel pomeriggio dopo un leggero spuntino tipico degli atleti di punta (porchetta e pane casereccio, colomba pasquale al formaggio, caciotta umbra e birra del discount di Boffalora) parte la finale della prima tappa ExoTour. Personalmente ho trovato molto valida la formula di classifica unica per la qualifica dei migliori 20 in assoluto, le partenze scandite ogni 30 secondi hanno si causato qualche disagio agli atleti, ma hanno permesso di godere in libertà del fiume più a lungo, per discese spensierate e in compagnia.
Purtroppo la concomitanza nello stesso week end del rilascio e raduno sul Melfa ci hanno spinti ad abbandonare anzitempo la gara e non poter godere del boater cross e della festa post gara.

Dopo le fatiche del sabato mattina ci dirigiamo in direzione sud fino a raggiungere Roccasecca, un pittoresco paesino che sorge a lato della goletta di roccia carsica, scavata dal fiume Melfa. In una gloriosa giornata di primavera, scendiamo in allegria con tanti canoisti questo incantevole fiume purtroppo affetto da totale captazione idrica per la maggior parte dell’anno. Il livello è minimo, garantito dal rilascio pattuito con la Centrale. L’acqua scorre lentamente e così i canoisti si imbattono in un curioso fenomeno: poco prima del primo sbarco ci si deve fermare e aspettare che l’acqua riempia il letto del fiume completamente secco per poter procedere. Uno spettacolo veramente anomalo. Allo sbarco musica country, vino, pasta, salsiccia e rape generosamente offerti dagli organizzatori rifocillano i canoisti che a panza piena e braccia stanche se ne ritornano all’ovile.

Ecco i risultati e le classifiche ufficiali:

–>Marmore Falls Kayak Race – Extreme
1. Michele Ramazza 6,17,76
2. Thomas Waldner 6,19,70
3. Daniel Klotzner 6,28,91
4. Filippo Brunetti 6,36,84
5. Demetrio Bifano 6,39,71
6. Paolo Buzzi 6,45,87
7. Mario Adolini 6,46,08
8. Andrea Colombo 6,46,10
9. Daniele Buzzi 6,48,20
10. Federico Taurino 6,49,47
11. Matteo Bello 6,50,06
12. Nicola Paglino 6,50,54
13. Luca Daprà 6,51,58
14. Marco Guidi 6,53,31
15. Haller Daniel 7,00,18
16. Gianluca Marotta 7,03,62
17. Luca Guidi 7,07,75
18. Marcello Parmigiani 7,09,73
19. Fernando Oliveras 7,13,81
20. Gabriele Baroli 7,28,53

–>Marmore Falls Kayak Race – BoaterX
1. Thomas Waldner
2. Stefano Spigno
3. Fredrik Beccaro
4. Walter Cecchinelli

–>Marmore Falls Kayak Race – Open Race (top 20)
1. Daniel Klotzner
2. Michele Ramazza
3. Filippo Brunetti
4. Thomas Waldner
5. Demetrio Bifano
6. Mario Adolini
7. Paolo Buzzi
8. Haller Daniel
9. Daniele Buzzi
10. Andrea Colombo
11. Fernando Oliveras
12. Marco Guidi
13. Federico Taurino
14. Luca Guidi
15. Luca Daprà
16. Nicola Paglino
17. Gianluca Marotta
18. Gabriele Baroli
19. Matteo Bello
20. Marcello Parmigiani

–>Marmore Falls Kayak Race – Open Race (per categoria)

–>Junior
1. 5 Simon Hehl 1,33,87
2. 8 Lorenzo Cozzini 1,35,13
3. 14 Luigi Paracchini 1,41,51

–>Senior
1. 3 Daniel Klotzner 1,22,85
2. 21 Michele Ramazza 1,22,99
3. 70 Filippo Brunetti 1,23,89
4. 7 Thomas Waldner 1,24,13
5. 9 Demetrio Bifano 1,26,25
6. 1 Haller Daniel 1,26,72
7. 41 Andrea Colombo 1,27,06
8. 49 Marco Guidi 1,28,07
9. 35 Federico Taurino 1,28,10
10. 47 Luca Guidi 1,28,12
11. 22 Luca Daprà 1,28,52
12. 62 Stefano Bellotti 1,31,16
13. 2 Deutsch Matthias 1,31,33
14. 58 Jacopo Leonori 1,32,73
15. 30 Davide Longoni 1,32,98
16. 69 Alessandro Bardeggia 1,33,00
17. 57 Daniele Cerasari Pacini 1,33,80
18. 48 Giacomo Orlandi 1,34,02
19. 63 Michele Rinaldi 1,34,12
20. 67 Marcello Muzzi 1,35,95
21. 56 Francesco Iacobelli 1,36,61
22. 16 Jacopo Bagatta 1,37,26
23. 66 Alessandro Lini 1,42,10
24. 53 Jacques Gilardone 1,42,20
25. 55 Mattia Pernigo 1,42,43

–>Master A
1. 17 Fernando Oliveras 1,27,52
2. 24 Nicola Paglino 1,29,29
3. 25 Gianluca Marotta 1,29,54
4. 46 Gabriele Baroli 1,29,65
5. 44 Marcello Parmigiani 1,30,64
6. 60 Walter Cecchinelli 1,30,65
7. 61 Daniele Vecchio 1,30,70
8. 64 Andrea Bernulli 1,32,66
9. 36 Lorenzo Palma 1,35,00
10. 38 Max Boninsegni 1,37,00
11. 12 Andrea Tomasi 1,38,70
12. 11 Marco Bolognesi 1,39,97
13. 39 Federica Friz 1,48,62
14. 42 Silvia Signorini 1,54,33

–>Master B
1. 20 Mario Adolini 1,26,29
2. 52 Paolo Buzzi 1,26,69
3. 50 Daniele Buzzi 1,26,92
4. 51 Stefano Spigno 1,31,10
5. 6 Frederik Beccaro 1,31,88
6. 43 Fabio Rizzo 1,33,34
7. 13 Fabiano Mognol 1,38,02
8. 59 Lorenzo Zarlenga 1,38,61
9. 45 Lorenzo Aldeghi 1,41,66
10. 37 Marco Anceschi 1,52,50

–>Master C
1. 65 Matteo Bello 1,22,71
2. 31 Paolo Longoni 1,30,49
3. 54 Fred Gilardone 1,33,43

–>Master D
1. 10 Stefano Facchini 1,50,09

Femminile Assoluto

1. Pamina Vitta 1,38,44
2. Federica Friz 1,48,26
3. Silvia Signorini 1,54,33

About Marcello