corso settembre 2019

Tutte le foto scattate durante i due week end sono tantissime .

————————————————————

 

Non sapevo bene cosa aspettarmi da un corso di canoa in fiume, mi sono iscritta per curiosità e per provare qualcosa di nuovo. Devo dire che è stato proprio divertente!! 

Il Team del KTT è stato eccezionale, in tutti ho trovato grande cortesia e professionalità e accoglienza. Bravi sia gli istruttori che gli addetti al recupero dei “ribaltati”. 

Molto graditi anche i consigli individuali dei canoisti esperti che affiancavano gli istruttori, che ci hanno aiutato a correggere posture e movimenti.

È stato più facile capire le spiegazioni e sperimentare i movimenti quando eravamo divisi in piccoli gruppi. Mentre quando si era tutti insieme sembrava un po’ di essere sulle autoscontro!

Molto belli i percorsi proposti. 

Un grande GRAZIE a tutto il gruppo! 

Se continuerò a fare canoa? Non lo so! Io ci provo… vediamo se sarò in grado… altrimenti, è stata comunque una bellissima esperienza!!

Elena

 

———————————————————————————————————-

 

 

 

 

 

 

Ciao Marcello,
ringrazio te e gli altri istruttori per l’accoglienza ed il bel corso e vi auguro di non perdere mai lo spirito che avete.
Ti lascio il nostro feedback sul corso.

Era un po di tempo che l’idea di un corso di canoa (in questo caso kayak) mi stuzzicava.
Complice una fugace prova al mare, io e mio figlio abbiamo deciso di partecipare al corso organizzato dal Kayak Team Turbigo.
L’ambiente è assolutamente informale, sembra di fare un’escursione con amici piuttosto che un corso.
Allo stesso tempo la professionalità è al top; gli istruttori sono molto preparati, capaci di insegnare e di infondere sicurezza anche a chi, come noi, ha già i suoi bei problemi a distinguere la punta dalla coda del kayak.
Molto positivo il fatto che l’approccio adottato è imparare “facendo” e quindi divertendosi a provare a domare quel cavallo imbizzarrito che è il kayak.
Stupefacente è poi il fatto che, partendo da come si impugna la pagaia, si arrivi a fine (ma anche prima della fine) del corso a fare imbarchi svizzeri ed ad affrontare acque belle movimentate senza il timore di ribaltarsi (tanto poi Marcello e gli altri istruttori ti ripescano ancor prima che rimetti la testa fuori dall’acqua). Mai avrei pensato, frequentando un corso di quattro mezze giornate, di buttarmi col kayak nelle rapide scivolando da un dirupo di una quindicina di metri o di saltare in acqua (sempre col kayak) da una sponda alta parecchi metri.
In definitiva è un’esperienza che consiglierei a chiunque (nonostante Ugo…).
Continuate così!

Marco e Roberto

—————————————————————————————-

Ciao Marcello, grazie di tutto.
E’ stata un’esperienza piacevole, costruttiva e positiva anche se stancante più del previsto (ma questo è un problema mio, vista forse l’età un po’ troppo avanzata per certe cose e poco allenato).
Il paesaggio del percorso in gran parte lo conoscevo poichè gia visitato in bicicletta ma in kayak cambia completamente visuale ed è molto più affascinante.
Siete stati tutti molto accoglienti professionali e simpatici. Sono stato aiutato in tutti i momenti di difficoltà, e sono stati davvero tanti ahimè.
Siamo stati seguiti da più istruttori (tutti pazienti e disponibili) e anche l’aiuto o consigli di altri allievi più esperti è stato ben accettato.
Avrei preferito un corso suddiviso in quattro settimane per consentire più tempo di “ripresa”.
Ringrazio per l’invito che ci avete esteso per le vostre uscite ma non penso di partecipare poichè avrei bisogno di un corso supplementare e sarei solo da intralcio.
Si potrebbe valutare le lezioni in piscina o comunque il prossimo corso di Giugno.

Grazie a tutti Voi
Massimo S.

 

————————————————————————

 

Qui sotto il primo report che vince un week end con Hugo . :-)))

1. ci siamo divertite! 
2. siete un bel Gruppo!
3. ci avete trasmesso sicurezza!
4. gli insegnamenti sono chiari e professionali... ora dobbiamo allenarci!
5. Abbiamo apprezzato l’attenzione ad ognuno di noi ed ai momenti individuali di “difficoltà”
6. Ci è piaciuto l’insegnamento ad essere autonomi e allo stesso tempo ad aiutarci a vicenda
7. Vi consiglieremmo dei gruppi leggermente più piccoli o creare sotto gruppi con ogni “istruttore” per una maggiore efficacia
8. Suggeriremmo una “merenda” alla chiusura del corso, con anche il contributo dei partecipanti
9. Ci piace molto che ci fate le foto ma anche un video sarebbe apprezzabile
10. Un investimento creativo sul sito e sui gadget aiuterebbe al senso di appartenenza al gruppo... una T-shirt, per esempio.
Dulcis in fundo: servirebbe un corso successivo dopo poche settimane per rimanere in contatto e non perdere gli insegnamenti, soprattutto per coloro che non possono allenarsi con voi in settimana...
Manca il punto su Ugo... ve lo diciamo al prossimo corso!
Aspettiamo l’invito per la grigliata...
Alessandra, Valeria, Federica

About Marcello