Zambeautiful by GOFROG E LE STORIE TESE

GOFROG E LE STORIE TESE

 

 

 

Zambeautiful

 

 

 

(episodio 1)

 

 

 

Scrivere  o non scrivere il report?Riuscirò a spiegare almeno una parte dell’esperienza che mi ha cambiato la vita?Ma soprattutto,la mia più grande paura,come quella degli altri suppongo…se inizio a scrivere riuscirò mai più a fermarmi?

Cari canoisti e canoiste allacciate le cinture di sicurezza e sopratutto quelle di castità! Si parte per una nuova avventura!!

A parte i filmati dello Zambezi che abbiamo visto sin dal primo giorno di canoa, ci siamo informati bene sull’Africa in generale. Così abbiamo scoperto o meglio, Alex lo ha fatto,su uno dei suoi siti Gestapiani che frequenta ….

ll sito diceva che in Africa le tradizioni che si tramandano da genitori a figli in Africa sono l’aids e la malaria e il piatto tipico africano è quello vuoto…..

 

Dopo ben 2,3 o 4 voli,ad un certo punto ho smesso di contarli,11 ore (african time) di autobus, da Lusaka fino ad Livingstone, invece di 5 promesse (european time)…

Il autobus tra l’altro era pieno come la barca di Noè più il finale di champions league messi insieme.Per finire , in puro stile di criceto extrem, una massacrante  trascinata di canoa e zaino pieni per  più di 500 metri.Evviva eravamo finalmente li….the Jolliboys lodge!!Più vicino che mai ad un fiume di qui si narrano le leggende,un fiume di qui parlavano tutti: la bibbia della canoa Kayak session, il profeta della canoa Steve Fisher,  tutti i canoisti  illuminati che sono stati li fino ad arrivare a Maria de Filippi in “C’è airscrew per te”….. the mighty Zambezi!!

E’ noi tre eravamo li…Batman,Robin e Gofrog! Che emozione! Sono le 5 del mattino e siamo dir poco esausti.Dopo aver finito le nostre ultime riserve di cibo italiano abbiamo dato una martellata in testa (per farlo addormentare) ad Alex perché voleva  imbarcarsi di già. Finalmente si va a dormire.

La stanza è per 16 persone ma doveva essere per quattro.Fa un freddo bestiale,più che in Africa mi sembra di essere in visita da mia zia in Austria.Letti a castello come nelle caserme.Tutti dormivano beati.Dai,dai andiamo a dormire anche noi!!Non appena la testa del Bat ha toccato il cuscino,ha iniziato russare come una motosega elaborata con i pezzi di trapano.Ah..ah.. ci sarà da divertirsi…

In primo pomeriggio arriva la nostra guida Steve Hammond della compagnia “Water by nature” con quale abbiamo prenotato e già pagato tutto per tutto il mese.Più di un canoista mi sembra una via di mezzo tra un rabbino e il cantante dei Zz Top.

Dopo le prime presentazioni ci spiega che attualmente il livello del fiume è alto,essendo nei ultimi giorni della stagione alta,quindi la nostra prima discesa sarà dalla rapida numero dieci in giù fino alla 25.

 

Robin (in inglese): “Assolutamente no!Io parto dalla uno!Da dove posso vedere le “minus”?”

Bat:”Cosa ha detto?Cosa?”con le orecchie puntate sulla faccia di Steve “Sai”gli dice”I speak very BIG little english.”

Gofrog (sempre in inglese):”Impossibile che c’è livello alto!!A noi tutti hanno detto che livello è basso,loro lo sapranno benissimo!Sono stati qui in DICEMBRE!Tutti canoisti fortissimi!Conosci Marcello?Conosci Pamina?Paolo Buzzi?Ah ti avverto se devo solo vedere un coccodrillo io morirò subito!!”

Bat:”Cosa hai detto?Cosa ti ha detto?Cosa vi siete detti?”con le orecchie girate sempre verso a quello che parla in quel momento.

Gofrog:”Ma è una balla vero che ci sono i coccodrilli?Questo ci vogliono far credere quelli del National Geographic!Vero che è una balla?Vero?Non mordono perché sono troppo piccoli?E’ così?Vero?Mi ha detto così Marcello a me!!”

Robin:”Ehi tu, io ho pagato per partire dalla uno e partirò dalla uno!Allora le “minus??!”

Steve: (con lo sguardo- non mi pagano abbastanza per avere che fare con questi qui):”Team,nemmeno io sono sceso ancora dalla uno,domani volevo provare per la prima volta.Sono qui da 4 giorni.Il rafting non scende ancora dalla uno!!Domani partirete dalla dieci!!Ok team?”la sua barba lunga si muove nervosamente da destra a sinistra.

Bat: (sempre usando le orecchie come le antenne in cerca di frequenza giusta).:”Cosa ha detto?Cosa hai detto?Cosa vi siete detti?Dicevate?Diceva?”

 

La prima discesa

 

Il giorno dopo Steve arriva e ci sveglia battendo le mani e dicendo:”Wake up team!!!”

Wake up a chi????!Bat ha russato di nuovo…non è mica da tutti suonare la quinta sinfonia di Beethoven con il naso!! Scarlinga merlùss che l’è minga el tò ùss!!!Sono più o meno le 6.30 del mattino….tra la russata di Bat,il freddo e la emozione per la prima discesa non ho dormito un gran che.

Colazione veloce è si parte! Sul furgoncino aperto fa un freddo glaciale , c’è il vento e siamo li a tremare come delle foglie…prevedo come il minimo l’arrivo della ami-nemica (amica se per causa sua salti il giorno di lavoro,nemica se per causa sua non vai in canoa) influenza a farci visita.A parte noi ci sono il Steve(la guida),Jon (il fotografo freelance),the driver Matt ed un unico cliente a parte noi… Sam,un giovine dr.House inglese che è li in Africa per fare volontariato.Ci dice che è sceso ieri dalla 10 per la prima volta.Alla fine noi 4 ,a parte le guide, siamo gli unici canoisti sullo Zambezi!E’ io che pensavo che ci sarebbe stata una mare di canoisti da tutto il mondo!Tra l’altro lui starà li solo un’altro giorno perché deve andare via è così vorrebbe fare con loro quest’oggi dalla uno,ma è ancora indeciso.E’ la sua ultima chance.Va in canoa da 14 anni,ma solo da 5,6 più frequentemente.Siamo al imbarco alla uno è dopo un bel pò di tira e molla,vado non vado,un’altra martellata in testa ad Alex che voleva partire insieme a loro (questa volta dovevamo pure legarlo sul tetto).Steve,Jon e Sam (teso come la slackline)si imbarcano.Quindi si procede per l’imbarco dalla 10.

Una volta giù sono esausta.Una infinita scarpinata a novanta gradi sulle “scalette” fate di legno sottile.Hai la sensazione tutto il tempo che stai per cadere in testa in giù e arrivare al imbarco in forma di un comodino Ikea…è adesso dovrei andare pure in canoa??Uh…oh…

Con il stupore osservo i portatori che corrono giù,alcuni anche con le due canoe sulle spalle!Pazzesco!!

Il primo contatto con il fiume…sono sotto la rapida 10 e volevo fare il traghetto da l’altra parte per riscaldami un pò. L’acqua fa giri strani e ribolle in modo che non ho mai visto fin ora…senz’ altro il Zambezi è qualcosa di eccezionale,decisamente fuori dal comune!Parto decisa,ma all’improvviso si crea un gorgo grosso e inizio girare in cerchio in stallo di coda.Sento il Bat urlare,anche se ho le orecchie soia l’ acqua: “Fischiaaaaaa!!”

Sono terrorizzata ,ma cerco di tenere calma e dopo un bel pò di metri il gorgo sparisce.Porca miseria!!Ma dove penso di andare io?!In fra tempo arrivano anche gli altri!Il dr.House ha la faccia viola,mi sembra come se avesse passato la purificazione penitenziale durante la quaresima ( e anche quella del colon).Si era sparato due bagnozzi sulla 4 e sulla 7.A vederlo mi sembrava come se servisse a lui un dottore o un esorcista non ero sicura..diceva che sentiva una grande forza d’acqua,mentre era a bagno, a tirarlo giù in profondità e lui era aggrappato quasi con le unghie alla canoa!!Se la molava sarebbe andato sotto per chissà quanto…

La mia autostima era a dir poco a terra..se un ragazzo che va da tanto in canoa è uscito stremato cosa succederà a me,nonostante il fatto che parto dalla dieci?comunque le rapide sono tutto tranne banali!Basta pensare è dati da fare Gofrog!!Penso tra me e me.

La discesa super movimentata..l’ondoni enormi,continua sensazione di volare (quando se sei in testa in su ovviamente) e di annegare (quando sei in testa in giù),gorghi,fungi, acquose sberle in faccia,ho tirato un bel pò di eskimi,non ci ho capito quasi niente sulle linee da prendere….in pratica ho visto solo una enorme massa d’acqua da per tutto.Credo che mi ci vorrà del tempo per abituarmi….spettacolare però!! Bat ha riscontrato qualche problema con la barca per via della impostazione è del fatto che sta abbastanza sotto per via del suo “peso mosca”.Diceva ad Alex:”Caspita!Ma è uguale la tua Jackson alla mia?Non è che ti hanno mandato una Jackson diversa a te..mi sembra un pelino più grossa la tua!Tua galleggia,la mia è sempre sotto!!”Si,si la differenza è nella barca e no del fatto  che ha almeno 10 chili più di Alex. Robin era super gasato è non vedeva l’ora di partire dalla uno! Che fiume! Domani si farà il tratto sopra ancora più impegnativo con i nomi delle rapide che non promettono per niente bene…tanto per cambiare!!Anche nomi di queste del tratto dalla dieci non erano proprio da nominare nella fascia protetta per i minori!!

Restà cumpagn de quel de la maschera!!

 

To be continued….

 

About KTT